Frosinone – Fiorentina: altri due punti persi

F

Partiamo dalla fine: Frosinone – Fiorentina finisce 1-1 e si tratta di un risultato ormai familiare ai viola visto che è il quarto consecutivo dopo Fiorentina – Cagliari, Torino – Fiorentina e Fiorentina – Roma.
Proprio nella mia analisi nel match contro la Roma dove i giallorossi avevo intitolato “Serve l’esperienza dei vincenti” e avevo fatto riferimento alla Juventus; bene, oggi è successa la stessa identica cosa, pareggio della squadra laziale arrivato all’87’ grazie ad un bellissimo goal di Pinamonti (giovane interessantissimo tra l’altro che avevo già avuto modo di apprezzare nell’Inter Primavera).
Sempre prendendo come riferimento la Juventus è capitato anche ai bianconeri di farsi recuperare e addirittura perdere contro il Manchester United, la differenza però è che ad una squadra che ha la vittoria nel sangue succede una volta ogni 1 o 2 anni, alla Fiorentina invece sta succedendo troppo spesso. A questa Fiorentina. Sì perché per me tutte le squadre sono uguali, non esiste una squadra che vince sempre e una che perde sempre e il mio sogno è rivedere una grande viola. Quindi serve imparare a vincere, serve capire che quelli con la Roma erano due punti persi, serve capire che anche questi sono punti persi e alla fine in pochi giorni abbiamo perso 4 punti che in classifica avrebbero fatto la differenza.
La squadra sia chiaro è forte, ha giocato bene, solida anche oggi, questa volta la formazione era corretta con Pioli che ha voluto riprovare con Pjaca contro un avversario debole e con il croato in crescita; ci stava farlo, anche se poi quando è entrare nella ripresa Mirallas ha confermato di essere più incisivo.
Perché allora la Fiorentina ha perso punti? Credo che il problema sia fisico, oggi ho visto i giocatori in difficoltà verso gli ultimi 20 minuti e non c’era nessun tipo di pericolo da parte del Frosinone. Non ci ha per nulla messo in affanno eppure Veretout ha iniziato a sbagliare i passaggi e proprio da una sua palla nella terra di nessuno è partita l’azione che ha portato al pareggio.
Forse bisogna far correre la squadra di più durante la settimana, serve più fiato.
Peccato veramente aver pareggiato perché la squadra anche oggi mi era piaciuta, bravi tutti i reparti a partire da Chiesa che sta crescendo bene e sta studiando per diventare attaccante e Benassi che sempre di più sta diventando il goleador della squadra. Unica nota negativa Gerson, uno dei giocatori che più mi è piaciuto in questa stagione, ma che oggi sembrava spaesato. Per il resto Simeone continua ad essere utile alla squadra con i suoi movimenti, ma gli manca la via del goal e oggi è sembrato molto nervoso dopo essere stato sostituito, dovrebbe invece capire che va bene così: la squadra viene prima del suo rendimento personale.
Con un po’ più di ossigeno nei polmoni forse Veretout non avrebbe commesso quel grave errore, nel momento in cui bisogna tenere il pallone lo abbiamo regalato agli avversari che non si sono fatti pregare, quindi nella mia analisi odierna c’è questo: forse iniziamo ad avere la mentalità della grande squadra, ma forse non abbiamo ancora i 90 minuti per farlo.

Informazioni sull'Autore

Giulio Giorgetti

Tifoso della Fiorentina, sportivo. Molti mi conoscono come uno dei massimi esperti al mondo di scommesse sportive, ma sono qui su questo sito per parlare solo della viola.

1 commento

Rispondi a Giulio Giorgetti Annulla risposta

Ultime notizie

Categorie

Link utili