Fiorentina-Juventus 0-3: piccoli contro grandi

F

Questa volta non c’è stata partita: la Juventus è stata superiore alla Fiorentina, sembrava di assistere all’ultima in classifica contro la prima. Ora, se i bianconeri sono realmente i leader della Serie A da sette stagioni consecutivi, chi mi ha deluso fortemente è stata la Fiorentina: irriconoscibile. Anzi, riconoscibile. Il problema principale dei viola è quello che notai durante l’estate e che ho riportato più volte negli articoli ed è la difficoltà nell’andare in rete; considerando che il calcio è fatto di goal la situazione è grave.
Nei primi quindici minuti, quando ancora Fiorentina e Juventus giocavano allo stesso livello, Simeone si è mangiato il goal più facile del mondo ad un passo dalla porta, poteva essere quello il vantaggio viola e la rinascita dell’attaccante argentino, ma purtroppo non è stato così.
Da lì in poi il buio totale, i viola rimangono schiacciati nella proprio area di rigore fino a che Bentancur non segna il goal che mette ko la Fiorentina al 31′.
Eh sì, anche questo è brutto da segnalare: i viola sono morti già nel primo tempo sullo 0-1, la reazione è mancata fino a quando non è arrivato lo 0-2 nel secondo tempo su goal di Chiellini e poi è arrivato il rigore beffa e 0-3.
I problemi al momento sono di due tipi: il nostro attaccante principale non segna, Simeone ormai ha perso fiducia in se stesso e non abbiamo altre punte vere. C’è Vlahovic vero, che tra l’altro nelle amichevoli estiva mi era piaciuto, ma inserire lui dal primo minuto significherebbe uccidere l’autostima di Simeone definitivamente. C’è Thereau, quello sì, si potrebbe pensare di cambiare modulo e affiancarlo all’argentino per provare a dare più consistenza in attacco. Non parlatemi invece di Chiesa punta. Non è una punta, non oggi. Lo potrà diventare? Forse. Mertens ci è riuscito, ma giocava in una squadra che già faceva bene ed è facile sperimentare quando le cose girano alla grande. Chiesa non ha i movimenti della punta, non sa coprire il pallone e far salire la squadra, il suo posizionamento migliore è sulle fasce è lì che sa fare male agli avversari. Chiesa ha lottato, ma pecca ancora di un errore grave, tende a giocare sempre alla stessa maniera in tutte le posizioni del campo. Dovrebbe invece imparare a giocare ad un tocco in difesa e centrocampo per poi magari provare a dribblare sulla trequarti o in area di rigore; inutile iniziare a scartare gli uomini dalla metà campo viola, è uno spreco di energie inutile per se stesso e per i compagni.
Continuo poi a ritenere Gerson molto più forte a centrocampo piuttosto che sulla fascia. Per tutte la partita sulla corsia di destra è stato un fantasma, poi negli ultimi 10 minuti quando è stato spostato a centrocampo si è subito visto il cambio di passo.
Veretout, non so cosa gli sia preso, ma credo avesse troppa tensione, è rimasto schiacciato sulla linea difensiva ed è mancato quel collante tra difesa e attacco che ha reso difficile la costruzione del gioco. Molti sono stati i nostri errori in uscita della difesa proprio perché Veretout aveva il baricentro troppo basso e non riusciva a saltare l’uomo perché subito pressato dagli attaccanti.
Da rivedere Pjaca, finora non mi è mai piaciuto, ma con la Juventus in quei pochi minuti giocati sembrava sulla via del recupero.
Individualmente gli unici che salvo sono Pezzella e Edimilson, ma questa volta è stata tutta la squadra a mancare e Pioli credo che debba considerare l’ipotesi di mettere Gerson a centrocampo e mettere titolare Thereau.
La classifica per fortuna è ancora abbastanza corta, siamo a sei punti dal quinto posto della Lazio e a tre punti dal sesto posto del Torino, ma serve un cambiamento, nella testa e nella forma della squadra.
Forza Fiorentina, ce la puoi fare!

Informazioni sull'Autore

Giulio Giorgetti

Tifoso della Fiorentina, sportivo. Molti mi conoscono come uno dei massimi esperti al mondo di scommesse sportive, ma sono qui su questo sito per parlare solo della viola.

2 commenti

Rispondi a Simone Annulla risposta

  • Il fatto che la classifica sia ancora corta, malgrado siano ormai 6 partite senza vittoria è una fortuna. Dobbiamo cercare subito di vincere contro il Sassuolo, non sarà facile, ma dopotutto non lo è mai.

  • Quello che mi sconforta è che la mancanza di risultati abbia rinvigorIto la fazione dei contro i Della Valle e questa volta il resto dello stadio non ha avuto la forza di zittirli.
    Questa volta non lo hanno fatto a sproposito ….hanno aspettato cinicamente e lucidamente l’ occasione.
    E quale migliore occasione è una sconfitta pesante in casa con la Juventus .
    Rimango del parere che non vedo in giro tanti presidenti e proprietà migliori della nostra…però anche io ero annichilito come il resto dello stadio e anche io sono stato zitto.
    Però questa volta anche io sono arrabbiato con la società, perché alla fine i motivi a cui ricondurre i motivi di insoddisfazione ne dà.
    Per l’ ennesimo anno abbiamo una squadra incompleta , una volta manca un difensore questa volta una punta . Inoltre gli innesti che dovrebbero essere di maggior pregio , Gerson e Pjaca sono prestiti .
    La situazione ambientale si è rifatta difficile e non renderà semplice uscire fuori da questa carenza di risultati e alla prima sbavatura si riproporranno le contestazioni e con loro ci avviteremo sempre più verso il fondo avviandoci a vivere un mediocre campionato.

Ultime notizie

Categorie

Link utili