Fiorentina – Chievo 6-1: ora si può sognare

F


“Ora si può sognare”.
Parto da questa frase sentita questa mattina al Bar Marisa dove ho voluto fare colazione per proseguire questa apertura idilliaca della stagione 2019 di Serie A. La Fiorentina batte il Chievo 6-1 e la partita è stata caratterizzata da una squadra messa bene in campo dal mister Pioli che ha giocato con ottimi automatismi sia in fase difensiva che offensiva.
Quest’anno mi sembra di non vedere un anello debole nella squadra, i giocatori sono forti, alcuni meno, ma di sicuro tutti gli 11 in campo sapevano giocare il pallone e sapevano anche coprire. Migliore in campo, da 8,5 in pagella, è stato Gerson, non me lo aspettavo. Non so se continuerà a giocare in quel ruolo, ma credo sia difficile cambiargli posizione dopo che è stato sempre preciso, incisivo, ordinato, decisivo. Il cuore di una squadra di calcio è il centrocampo e lui è sicuramente un stato un perno fondamentale contro il Chievo e potrà esserlo per tutta la stagione. A supporto di Gerson c’è stato Edimilson Fernandes, buona anche la sua prova, ma in generale tutta la squadra a giocato da 6,5 – 7,0 con alcuni lampi di luce dei vari Simeone, Chiesa e con Biraghi, a volte impreciso, ma sempre pronto a provare a dare il passaggio decisivo in fase offensiva. L’ex terzino del Pescara è stato invece meno efficace in fase difensiva visto che, soprattutto nel primo tempo, i cross più pericolosi sono arrivati proprio dalla fascia destra della squadra veronese.
Pezzella decisivo in più occasioni, Milinkovic molto buono e a lui vai il merito di aver sbloccato la partita, La Font invece l’ho visto un pochino in difficoltà soprattutto nei primi 30 minuti, ma bisogna considerare che era la sua prima partita ufficiale e ha 19 anni. Già dalle prossime partite non dovrà più pagare lo scotto dell’esordio.
Nel secondo tempo c’è stato modo anche di veder esordire il nuovo numero 10 viola, maglia importante, Marko Pjaca. Il giocatore croato ha trovato prima difficoltà ad inserirsi nel gioco, poi quando ha toccato il pallone si è visto subito che un controllo palla da grande giocatore, ci sarà tempo per vederlo in futuro.
Quello che conta è la vittoria con un risultato tennistico contro quel Chievo che pochi giorni prima aveva fatto penare la Juventus campione d’Italia, è presto per sapere che stagione farà la Fiorentina, ma se al Bar Marisa si dice che si può sognare allora perché non farlo?

Vi saluto con il video dell’inno viola che ha aperto la stagione 2019:

Buon inizio di stagione a tutti e Forza Fiorentina!

Highlights Fiorentina – Chievo

Video sintesi.

Informazioni sull'Autore

Giulio Giorgetti

Tifoso della Fiorentina, sportivo. Molti mi conoscono come uno dei massimi esperti al mondo di scommesse sportive, ma sono qui su questo sito per parlare solo della viola.

7 commenti

Rispondi

  • Grande Giulio. Noi a Firenze ci esaltiamo subito e altrettanto velocemente ci deprimiamo….che dire dopo un 6-1.
    Ci diano già lo scudetto e gli altri si giochino il secondo posto 😂
    Forza Fiorentina!!!!!

  • E poi ricordati dei pantaloncini neri, quelli che avevamo nella stagione 1968/69 e quella stagione vince mo lo scudetto, quindi
    perche’ non sognare.

  • Sull’ analisi tecnica sono d’accordo con te su più o meno tutto. Per quanto riguarda i commenti del bar Marisa non mi sorprendono per niente! 🙂 Vedrai dopo la prima sconfitta come saranno quei commenti ! I Fiorentini sono fatti così, basta poco per esaltarsi o abbattersi! 😉

    • Almeno però ho visto un po’ di entusiasmo. Pochi anni fa eravamo al primo posto e si contestava la società! Magari non avremmo vinto lo scudetto, ma con quell’atteggiamento sicuramente lo abbiamo perso.

Ultime notizie

Categorie

Link utili