Inter-Fiorentina 1-4, primo posto in classifica

kalinicLa Fiorentina vince a San Siro per 1-4 contro l’Inter e raggiungere il primo posto in comune proprio con i neroazzurri. La squadra viola si conferma in grado di poter vincere lo scudetto e ora se ne sono accorti per forza di cose anche quei tanti giornalisti chiaccheroni che oggi davano i viola spacciati. La Fiorentina è forte, lo ha dimostrato nel preseason e lo sta confermando di partita in partita ora in campionato.

Il match inizia subito bene grazie a Kalinic che da una palla innocua riesce ad anticipare Handanovic costringendolo al fallo di rigore segnato poi da Ilicic. I viola però non si accontentano e continuano a spingere e da un tiro violento di Ilicic che il portiere neroazzurro riesce solo a rallentare si avventa Kalinic come una furia sulla linea di porta facendo lo 0-2.
Lo 0-3 arriva da una bella sovrapposizione di Alonso che crossa in mezzo ancora per Kalinic che fa doppietta. Si tratta del secondo cross riuscito da parte dell’esterno sinistro spagnolo in due partite quando in due anni non era mai riuscito a fare un traversone in area verso un compagno, probabilmente anche questo è un segnale che questo può essere quello giusto per vincere lo scudetto.

Verso lo scadere del primo tempo ancora Kalinic, maestoso, costringe al fallo Miranda e l’Inter così rimane in 10 uomini. Il secondo tempo parte lento la Fiorentina cerca di utilizzare la superiorità numerica costringendo l’avversario a correre a vuoto ma questo porta ad una rilassatezza generale che porta al 1-3 di Icardi.

La Fiorentina però a questo punto si sveglia di nuovo e da un contropiede di Ilicic arriva l’assist vincente per un Kalinic da 10 in pagella.

I migliori in campo sono stati Kalinic e Ilicic, ottima ancora una volta tutta la linea difensiva e i due centrali Vecino e Badelj, si tratta di una ossatura di una grande squadra.

Ora la Fiorentina è al primo posto in classifica e giocherà in casa contro l’Atalanta, servono naturalmente altri 3 punti, se si vuole puntare allo scudetto bisogna sempre vincere.

Rispondi